Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Per capire Oscar Wilde si deve considerare un fenomeno singolare. La sua tomba, la più bella e glamour di tutto il Père Lachaise (a Parigi dov'è morto il 30.11.1900), è sempre e invariabilmente la più visitata, quella dove cuori sensibili lasciano più messaggi e infine, particolare non trascurabile, la più baciata. Wilde, pur essendo uno degli autori più letti e citati al mondo, è soprattutto un'icona mistica, un culto. È il Che Guevara del mondo gay. Per creare un mito ci vuole coraggio e un genio uguale o superiore a quello letterario. Coraggio perché uno degli ingredienti del mito è la morte in giovane età, gli altri non sono da meno, dolore, trasgressione, persecuzione, dannazione e resurrezione.

Il genio di Oscar Wilde è riuscito a riunire tutti questi elementi nel processo che lo condannò a due anni di lavori forzati, come sodomita. Aggiunse una passione sapiente quanto irresistibile per un giovane efebo, e un capolavoro scritto in carcere, "De profundis" che è tuttora il vangelo più amato del mondo gay. Morì a 46 anni in uno squallido alberghetto parigino. Funerale povero, naturalmente.

Regia di Ugo Leonzio.

>> Questo audiobook in edizione integrale vi è offerto in esclusiva per Audible ed è disponibile solamente in formato audio digitale.
©2010 RSI (P)2013 Fonderia Mercury Srl

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Generale

  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    4
  • 4 stelle
    2
  • 3 stelle
    2
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0

Lettura

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    5
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Storia

  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    3
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    2
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0
Ordina per:
  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Chantal Riviera
  • 05/02/2018

Quasi Commovente

Ho adorato questo libro. sembra esser preso direttamente dalla sua vita, nel senso che sembra di essere lì con Oscar. È stato commovente, sapere quanto avesse sofferto e quanto fosse stato giudicato...ottima interpretazione, grazie per averci dato questa prospettiva di Wilde

peccato che si sia ripetuto il primo capitolo anche nel secondo, è l'unica pecca

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    2 out of 5 stars
  • Lettura
    4 out of 5 stars
  • Storia
    2 out of 5 stars
  • Stefano Piccirillo
  • 23/07/2019

Cronaca di un uomo nudo

Non mi é piaciuto. Sono "controcorrente" : non amo le ostentazioni, gli squilibri, ciò che da sempre purtroppo fa presa sul pubblico di ogni epoca storica , da Wilde a Platinette. Apprezzo le opere di Wilde, ma qui non se ne parla, lo si lascia nudo, e non é un bel vedere. Ciò che resta, seppur evidenzi la tristezza dei poteri oscurantisti di un tribunale che sentenzia sui gusti sessuali, mi ricorda troppo una telenovela sudamericana, dove EROS e Thanathos sono gli unici moventi della vita, sottostimando l'essere umano ad un rango inferiore alle bestie. Per fortuna Wilde non era solo questo. Preferisco ricordare le sue opere immortali ed i loro più alti significati, non privi di morale, a questo scorcio indecente della sua vita privata. C'è inoltre una parte del libro che si ripete... Era per allungare il brodo?