Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Una classica storia dei Fratelli Grimm per imparare il rispetto e l'amore nei confronti degli animali, presentata in una nuova nuova versione interpretata da Gaetano Marino. Una fiaba della buonanotte da ascoltare per sognare ad occhi aperti.

©2018 LA CASE Books (P)2018 LA CASE Books

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Generale

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    13
  • 4 stelle
    9
  • 3 stelle
    4
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Lettura

  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    12
  • 4 stelle
    5
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    2
  • 1 stella
    2

Storia

  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    12
  • 4 stelle
    8
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Elisabetta Passagrilli
  • 12/02/2019

Racconto interessate

Che bello ascoltare un po' di favole per sognare. La lettura con questo narratore, molto bravo, é molto piacevole

1 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    2 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Francesca C. - Cliente Amazon
  • 16/11/2018

bella storia

storia breve ma ricca di significato. purtroppo non mi è piaciuta l'interpretazione: la voce l'ho trovata assai irritante

0 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione

  • Generale
    4 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • valentina
  • 01/10/2018

mamma che ansia

la favola è carina con un bell'insegnamento, il narratore mette ansia, la sua voce non rilassa.

0 su 1 utenti hanno ritenuto utile questa recensione