Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Sono più interessanti le storie belle o le storie tristi, quelle nere o quelle rosa? Le storie sono storie, e raccontano la vita.  

C'è una gang di ragazzi italiani di origine marocchina dietro il disastro di piazza San Carlo a Torino, una gang che rapina usando il peperoncino urticante. Usano spray urticante e il loro capo si chiama Budino, Andrea Malaguti ci racconta in questa puntata quella brutta serata torinese.
 

>> Questo podcast vi è offerto grazie alla collaborazione esclusiva tra Audible e La Stampa.

©2018 GEDI News Network S.p.a. (P)2018 GEDI News Network S.p.a.

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Generale

  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    5
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1

Lettura

  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    4
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    1

Storia

  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    4
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    1
Ordina per:
  • Generale
    1 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    1 out of 5 stars
  • Marco
  • 02/05/2018

Non ci siamo

No, decisamente non ci siamo. Basta con questo buonissimo da quattro soldi. Certo, il ragazzo è un “cattivo” ed è giusto che paghi, e salato. Però definire “buone” due persone che sono state vittime di una tragica fatalità... non sappiamo veramente che persone siano. Sappiamo che sono due “vittime”, non due “buone”. Non c’è bisogno di questo modo di fare giornalismo e divulgazione, bisogna invece concentrarsi sui fatti e su quello che non è stato fatto per prevenire certe situazioni. Inutile creare degli eroi inesistenti o strappare per forza la lacrimuccia per poi stare a guardare di nuovo, e magari farci un podcast, alla prossima tragedia. No, non ci siamo assolutamente.