Joseph Di Mambro

Io sono il cattivo
Letto da: Giampaolo Musumeci
Durata: 31 min
4.5 out of 5 stars (46 recensioni)
Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

"Io sono il cattivo" è un programma di Radio 24 che unisce attualità internazionale e narrazione, e racconta la storia dei "Grandi Cattivi" del nostro tempo.

Joseph Di Mambro, il guru della Setta del Tempio Solare: la notte del 4 ottobre 1994 una colonna di fumo si solleva da due palazzi di due diverse cittadine svizzere, Cheiry e Granges-sur-Salva. I pompieri e gli investigatori giunti sul posto si ritrovano davanti a uno scenario atroce: 48 cadaveri tra uomini, donne e bambini, tutti adepti della Setta del Tempio Solare, un ordine mistico fondato dall'enigmatico santone Joseph Di Mambro.

Di Mambro è tra i morti: dopo aver plagiato per anni i suoi seguaci, li aveva convinti a un suicidio di massa dopo il quale sarebbero rinati in una condizione di assoluta purezza sulla stella Sirio.

©2019 Audible Studios / Radio 24 (P)2019 Audible Studios / Radio 24

Cosa pensando gli ascoltatori di Joseph Di Mambro

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    31
  • 4 stelle
    9
  • 3 stelle
    4
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    2
Lettura
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    32
  • 4 stelle
    7
  • 3 stelle
    3
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    1
Storia
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    30
  • 4 stelle
    6
  • 3 stelle
    5
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    2

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Elisabetta Passagrilli
  • 23/03/2019

Cronaca interessante

Bellissima analisi altamente professionale di un caso di cronaca molto famoso purtroppo. Anche la lettura è molto piacevole