Vantaggi dell'abbonamento

Sintesi dell'editore

Migrare significa volare via e scegliere, come fanno gli uccelli, un posto migliore, o che pensiamo tale. Francesca Paci, in ogni puntata, racconterà una storia di spostamento, di cambiamento di posizione, la storia di chi sceglie un altro luogo fisico, ma anche mentale. Buon viaggio.

Questa settimana sul podcast "Voce del verbo migrare" Francesca Paci vi racconta la storia di Alaa Arsheed, il violinista siriano scappato dal suo Paese in guerra e oggi ufficialmente rifugiato in Italia che sintetizza in sé le aspettative, le prospettive reali o immaginarie e le contraddizioni del chiudersi una porta alle spalle per aprirne un’altra destinata comunque, anche nella migliore delle ipotesi, a restare per sempre diversa da quella di casa.

>> Questo podcast vi è offerto grazie alla collaborazione esclusiva tra Audible e La Stampa.

©2019 GEDI News Network S.p.a. (P)2019 GEDI News Network S.p.a.

Cosa pensano gli ascoltatori di Il violino di Alaa (Voce del verbo migrare 5)

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    4
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Lettura
  • 5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    3
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Storia
  • 5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    4
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Elisabetta Passagrilli
  • 18/08/2019

Analisi interessante

Interessante analisi giornalistica di fatti e personaggi contemporanei. Anche la lettura è molto piacevole. Bravi