Il segreto di Leosini (Cose di tele 2)

Letto da: Alessandra Comazzi
Durata: 20 min
3.5 out of 5 stars (4 recensioni)
Dopo 30 giorni EUR 9,99/mese

Sintesi dell'editore

Ci sono le serie tv, ci sono gli spettacoli, i personaggi amati dal grande pubblico e quelli ancora da scoprire. Ma soprattutto c'è Alessandra Comazzi, una vita a guardare la tele per La Stampa, e adesso a raccontarcela come una grande storia italiana.   

La conduttrice di "Storie maledette" è specializzata nell'affrontare i delitti a partire dai colpevoli. Va in giro per le patrie galere intervistando persone che hanno ucciso o commesso orribili reati, sempre ben vestita ed elegante. E ha un modo di narrare la cronaca nera che ha a che fare più con i romanzi che con la tv.
 

>> Questo podcast vi è offerto grazie alla collaborazione esclusiva tra Audible e La Stampa.

©2018 GEDI News Network S.p.a. (P)2018 GEDI News Network S.p.a.

Cosa ne pensano gli iscritti

Valutazione media degli utenti

Generale

  • 3.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    1
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    3
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Lettura

  • 3 out of 5 stars
  • 5 stelle
    1
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    2
  • 2 stelle
    1
  • 1 stella
    0

Storia

  • 4 out of 5 stars
  • 5 stelle
    1
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    2
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    3 out of 5 stars
  • Storia
    4 out of 5 stars
  • Marco
  • 21/05/2018

Leosini per sempre

Vera istituzione della Rai e del panorama televisivo italiano, Leosini è giustamente la protagonista di una puntata dedicata alla televisione e al suo impatto socioculturale sulle masse. Della citata puntata riguardante il delitto di Avetrana, vorrei ricordare la definizione di "giovanotto di levatura corrente" che dà del Bell'Ivano la nostra quasi Jessica Fletcher italiana preferita. Solo Leosini può insultare chicchessia con questa soavità. Mi permetto un piccolo consiglio a Comazzi: abbandoni l'inglese o quanto meno si faccia un bel corso di dizione in quella lingua (e anche quella italiana, che non guasta mai), alcune pronunce sono proprio pessime. Ma poi, a monte, ce n'è proprio bisogno di tutto questo inglese?

1 person found this helpful