Vantaggi dell'abbonamento

Sintesi dell'editore

L'avventura umana e sportiva del nostro più grande campione di boxe di sempre: Il fighter d'Italia Giancarlo Garbelli.

"Biografia-romanzo impregnata di verità, di racconti, d'immagini epocali, mio padre benda e sbenda le sue belle mani grandi e fitti, fitti parliamo di boxe, parliamo di noi... E io che sono cresciuta in queste storie, ne conosco sin da bambina gli odori, le emozioni e anche la poesia. Il pugilato l'ho masticato nell'amore della severità paterna, mi trovo adesso a correre nelle palestre, a bordo ring, per catturare le immagini esaltanti di uomini in conflitto con sé stessi. Ho visto trasformare il loro passato fatto di storie tremende, riscattarsi in ansiosi scambi di colpi. Improvvisamente le loro torture, hanno un significato nel ricordo. Sacrificio e sofferenza fino allo spasimo sono la gioia per pochi uomini... che superando le contese dove sono cresciuti, diventano adulti. Finalmente ripagati... con la pace nell’anima". (Gianna Garbelli)

©2019 Gianna Garbelli (P)2019 GMG di Gianna Garbelli

Cosa pensano gli ascoltatori di Il Fighter d'Italia Giancarlo Garbelli

Valutazione media degli utenti
Generale
  • 4.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    3
  • 4 stelle
    1
  • 3 stelle
    1
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0
Lettura
  • 3.5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    3
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    2
Storia
  • 5 out of 5 stars
  • 5 stelle
    5
  • 4 stelle
    0
  • 3 stelle
    0
  • 2 stelle
    0
  • 1 stella
    0

Ordina per:
Filtra per:
  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Cliente Amazon
  • 03/04/2019

Stupenda e appassionante storia

Piaciuto tantissimo, complimenti a Gianna Garbelli anche per la sua sentita lettura, lo consiglio vivamente!

1 person found this helpful

  • Generale
    5 out of 5 stars
  • Lettura
    5 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • La mi fava
  • 21/09/2020

Emozionante e istruttivo

Mi è piaciuto molto. Ben narrato con la passione che solo una figlia può avere. Non condivido il pensiero politico della scrittrice ma riconosco che suo padre è stato oltre modo penalizzato per il suo passato mentre invece è stato un talento unico nello sport che amo, il pugilato. Auguro alla signora Gianna Gsrbelli il giusto riconoscimento per il suo lavoro e un sereno giudizio alla memoria del Grande Campione Giancarlo Gsrbelli.

  • Generale
    3 out of 5 stars
  • Lettura
    1 out of 5 stars
  • Storia
    5 out of 5 stars
  • Michele Serra
  • 16/11/2019

Perché mischiare politica e sport?

La storia della vita di Giancarlo Garbelli è indubbiamente esaltante, ciò che non ho gradito è stata la pessima lettura da parte della figlia (ricca di errori di pronuncia) e la qualità di registrazione non esaltante. Il racconto è eccessivamente prolisso, ampolloso e ridondante e ciò ha messo alla prova la mia pazienza. Sentir ripetere all’infinito la parola Fighter d’Italia è stato snervante. Giancarlo è stato un grande campione ma, come lui, altri Italiani. La cosa peggiore, però, è stato l’inserimento del lato politico. Giancarlo è stato giovane camicia nera, come tanti, come troppi...ed ha avuto il coraggio di non negarlo mai. Le sue idee politiche sono chiare ma perche sua figlia ESALTA questo tratto? Perche arriva ad affermare, addirittura, che la sinistra Italiana le fa ostruzionismo? A me non interessa in punto di vista politico della Signora Garbelli, ma la straordinaria vita di suo padre. Ho trovato altresì fastidioso come la signora travisasse la realtà a causa del suo amore filiale: il signor Giancarlo ha vissuto una vita invidiabile ed è sempre stato consapevole dei suoi errori, perché allora si deve sempre trovare il modo di giustificarlo? Anche le sconfitte sul ring vengono minimizzate o giustificate con una teoria del complotto. Ho trovato assolutamente vergognoso, poi, l’attacco a Loi e Benvenuti; da denuncia. In conclusione, la vita di Giancarlo Garbelli è sicuramente eccezionale ed il suo racconto arricchente, ma non ho assolutamente gradito che a raccontare questa storia sia stata sua figlia che, a tratti, sembrava volesse assurgere a protagonista.