• La ragnatela del Mago Agor

  • Di: Paola Ergi
  • Letto da: N.N.
  • Durata: 10 min
  • Versione integrale
  • Data di pubblicazione: 23 11 2007
  • Lingua: Italiano
  • Editore: GoodMood
Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

In un piccolo paesetto ai piedi del Monte Tenebroso è accaduto qualcosa di strano! Gli abitanti sono tutti col naso in su, a guardare il cielo che per un incomprensibile motivo è interamente coperto da un'enorme ragnatela che non lascia filtrare la luce del sole. E' magia nera! E' opera del temibile Mago Agor! Le persone sono spaventate e nessuno ha il coraggio di salire sul monte Tenebroso, tranne il giovane Amedeo, deciso a distruggere la ragnatela e a far tornare a splendere il sole nel suo paese.

Due amici decidono di andare con lui e così il gruppetto di coraggiosi ragazzi parte verso la cima del monte Tenebroso. Poco tempo dopo si trovano in una brutta situazione perché incontrano qualcuno di non proprio piacevole: un enorme, gigantesco ragno, con enormi occhi, un gigantesco corpo e zampe lunghe come alberi. La battaglia inizia ed é spaventosa: tre piccoli ragazzi contro un ragno esageratamente grande... sembra scontata la vittoria del mostro e invece... grazie all'astuzia di Amedeo il ragno viene sconfitto, la ragnatela distrutta e il sole ritorna a splendere. Forse il ragno era una creatura del Mago Agor, comunque ora non c'è più ed è tutto merito dell'intelligenza, del sangue freddo e del coraggio di Amedeo e i suo amici.

I tre ragazzi certo non sono grandi e grossi come il ragno, né tantomeno forti; una cosa però è certa: sono più intelligenti di lui e alla fine hanno la meglio. E' così: i muscoli servono a poco se non sono comandati da un cervello sveglio e attento! L'intelligenza fa la differenza.

(c) 2007 GoodMood

Cosa ne pensano gli iscritti

Non ci sono recensioni disponibili