• Lo straordinario Natale di Natalino e Natalina

  • Di: Paola Ergi
  • Letto da: N.N.
  • Durata: 17 min
  • Versione integrale
  • Data di pubblicazione: 29 11 2007
  • Lingua: Italiano
  • Editore: GoodMood
Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
  • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
  • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
  • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
  • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.

Sintesi dell'editore

Natalino e Natalina sono due fratellini, anzi gemellini; sono nati il giorno di Natale, per questo si chiamano così. Un pomeriggio di dicembre, tornando a casa da scuola, incontrano una signora anziana. Fa fatica a camminare e chiede il loro aiuto. I bambini le danno una mano e l'accompagnano a casa e così si conoscono meglio.

La signora si chiama Gina ed molto simpatica. Natalino e Natalina la rivedono e un pomeriggio, con il permesso della loro mamma che li accompagna, vanno a trovarla. La signora Gina ha una casa piena di libri, di carte geografiche, c'è persino un mappamondo. Racconta ai bambini che ha viaggiato in tutto il mondo, è stata persino al Polo Nord, e indovinate chi ha incontrato? Niente di meno che Babbo Natale!

E' una notizia bomba, Natalino e Natalina hanno la bocca spalancata: Gina lo ha visto davvero, è stata persino a casa sua. La mamma dei bambini non sembra molto convinta che quel che dice Gina sia vero, ma poi resta anche lei affascinata da quella specie di favola che parla di gnomi, giocattoli, dolcetti squisiti e naturalmente di Babbo Natale.

Lo straordinario racconto della signora Gina, ha dell'incredibile; i due bambini non smettono di farle domande, vorrebbero conoscere tutti i dettagli, ma si è fatto tardi, devono tornare a casa e così, a malincuore, la salutano. La loro mamma però ha un'idea super! Quella signora le piace, forse ha un po' troppa fantasia, o forse no, comunque le è simpatica e le dispiace che sia sola il giorno di Natale.

Così la invita a pranzo, vuole che stia con loro quel giorno, che passi una giornata serena in compagnia della sua famiglia. In fondo, basta poco per far felice una persona e la signora Gina vive sola da molto tempo non trascorre il Natale con qualcuno. Quell'invito, per lei, è un regalo bellissimo. La compagnia di quei bambini e dei loro genitori, le riempie il cuore di gioia. Ha trovato degli amici, dei nipotini, il calore di una famiglia.

(c) 2006 GoodMood

Cosa ne pensano gli iscritti

Non ci sono recensioni disponibili