Mariavittoria - Content Specialist

CONTENT SPECIALIST

Mariavittoria

Fermamente convinta di essere nata nell'epoca sbagliata, ho maturato un amore per la storia che ha del morboso. La letteratura occupa un altro importante posto nel mio cuore e, in veste di giornalista, ho sempre avuto un occhio di riguardo per i temi politici e sociali. Nella mia libreria c’è parecchia Russia e altrettanta Germania ma non disdegno gli autori nostrani, soprattutto quelli presi a prestito dal mondo del giornalismo. Vesto solo nero, mangio troppa carne rossa e, con grande disappunto di mia madre, ho le mani bucate. Infine, come scrisse Fenoglio nel suo splendido Partigiano Johnny, "I'm in the wrong sector of the right side", o almeno così mi sento.

    • Lettera a un bambino mai nato

    • Di: Oriana Fallaci
    • Letto da: Oriana Fallaci
    • Durata: 4 ore e 4 min
    • Versione integrale
    • Totali
      4.5 out of 5 stars 95
    • Interpretazione
      4.5 out of 5 stars 89
    • Storia
      4.5 out of 5 stars 89

    "Non sono io la donna del libro. Tutt'al più le assomiglio, come può assomigliarle qualsiasi donna del nostro tempo che vive sola e che lavora"...

    • 5 out of 5 stars
    • Emozionante

    • Di Giulio C. il 21 02 2018
    • Di: Oriana Fallaci
    • Letto da: Oriana Fallaci
    • Durata: 4 ore e 4 min
    • Data di pubblicazione: 02 08 2017
    • 4.5 out of 5 stars 95 recensioni
    • La voce arrochita dal fumo di sigarette, quel accento toscano inconfondibile e il suo tono, a volte dolce, altre perentorio: credo che ascoltare Oriana Fallaci leggere uno dei suoi libri più amati e controversi dovrebbe essere obbligatorio per ogni donna che si confronta con la maternità, sia essa agognata oppure temuta. Questo delicatissimo e personalissimo tema viene affrontato dalla Fallaci con una grazia unica: ponendo moltissime domande ed evitando di dare facili risposte. Egoismo? Paura di non essere all’altezza? Di vedere la propria vita stravolta? La maternità è un dovere morale per ogni donna? Nascere è davvero meglio di non nascere? E se il mondo non piacesse al nuovo venuto? Oriana Fallaci è stata una donna che ha elevato il dubbio, sconfessando la certezza: questo è per me il suo più grande lascito. Ho letto "Lettera ad un bambino mai nato" da adolescente e l'ho riascoltato quando il mio orologio biologico avrebbe dovuto scoccare la sua ora X femminile: niente prole per me ma un enorme bagaglio umano acquisito.
    Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
    • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
    • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
    • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
    • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.
    • L'anno del ferro e del fuoco

    • Cronache di una rivoluzione
    • Di: Ezio Mauro
    • Letto da: Ezio Mauro
    • Durata: 4 ore e 56 min
    • Versione integrale
    • Totali
      4.5 out of 5 stars 83
    • Interpretazione
      4 out of 5 stars 76
    • Storia
      4.5 out of 5 stars 75

    A cento anni dalla Rivoluzione russa, Ezio Mauro ritorna nei luoghi protagonisti dell'insurrezione popolare che ha rovesciato la direzione della...

    • 5 out of 5 stars
    • Ascolto intenso e appassionante

    • Di Fabio il 23 10 2017
    • Cronache di una rivoluzione
    • Di: Ezio Mauro
    • Letto da: Ezio Mauro
    • Durata: 4 ore e 56 min
    • Data di pubblicazione: 19 10 2017
    • 4.5 out of 5 stars 83 recensioni
    • Un audiolibro per ricordare ma soprattutto per scoprire. Nella ricorrenza del centenario, la voce e la penna dell'ex direttore di Repubblica - corrispondente da Mosca negli anni della Perestrojka - rendono mirabilmente il ciclone che investì la Russia: le grida del popolo in rivolta nel febbraio del 1917, l'agitazione dei soldati pronti ad intervenire e, dall'altra parte, l'aristocrazia rinchiusa nel Palazzo d'inverno, convinta che niente di tutto quello che aveva caratterizzato il passato fino a quel momento potesse mai mutare, inconsapevole della rivoluzione che invece, di lì a poco, avrebbe deflagrato. Ma non c'è solo la Storia. Mauro riesce a portarci sulle rive ghiacciate della Neva, tra il fumo denso dello Smolny, a fianco delle donne in piazza Znamenskaja, facendo una dichiarazione d'amore a San Pietroburgo: città dal nome cangiante, "costruita per conquistare e per farsi prendere".
    Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
    • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
    • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
    • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
    • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.
    • Memorie dal sottosuolo

    • Di: Fëdor Dostoevskij
    • Letto da: Daniele Ornatelli, Silvano Piccardi, Tania De Domenico, e altri
    • Durata: 4 ore e 31 min
    • Versione integrale
    • Totali
      4.5 out of 5 stars 50
    • Interpretazione
      4.5 out of 5 stars 48
    • Storia
      4.5 out of 5 stars 48

    Un uomo schivo, vile, che sopravvive a stento senza il sostegno di amici e senza riconoscimenti di nessun tipo, né a livello personale, né lavorativo, racconta...

    • 5 out of 5 stars
    • interpretazione assolutamente meravigliosa

    • Di Stefano il 11 07 2018
    • Di: Fëdor Dostoevskij
    • Letto da: Daniele Ornatelli, Silvano Piccardi, Tania De Domenico, Marco Zanni, Ruggero Andreozzi, Alessandro Zurla
    • Durata: 4 ore e 31 min
    • Data di pubblicazione: 18 07 2014
    • 4.5 out of 5 stars 50 recensioni
    • Ho cominciato a leggere Dostoevskij a 30 anni suonati, non senza un motivo. Sopraffatta dal pregiudizio, l'avevo relegato tra gli autori misogini e fin troppo conservatori: c'è voluta un'enorme cotta per un ragazzo, per farmi rivalutare il povero Fëdor e, in ultimo, amarlo. Dopo il classico "Delitto e Castigo", mi sono rivolta immediatamente a questo racconto breve, attratta soprattutto dal titolo e dalla possibilità di ascoltarlo in versone corale, grazie all’ottima squadra di narratori. Ad ascolto finito, posso definirmi decisamente soddisfatta: ho trovato un Dostoevskij cupo e disilluso e un protagonista infimo, un antieroe che davvero non si riesce ad amare. Per coloro i quali sono attratti dalla narrativa psicanalitica, non può esserci nulla di meglio del delirio paranoico del protagonista. Perché, in fondo, ascoltare Dostoevskij è un po’ come avere una spina nel fianco: fastidiosa si, ma indice che il corpo e la mente sono ancora capaci di sentire. E Dio solo sa quanto oggi ne abbiamo bisogno...
    Vantaggi dell'abbonamento Vantaggi dell'abbonamento
    • Accedi ad un universo di contenuti audio, senza limiti d'ascolto.
    • Ascolta dove vuoi, quando vuoi, anche offline.
    • Dopo i primi 30 giorni gratis l’iscrizione si rinnova automaticamente a EUR 9,99 al mese.
    • Cancella la tua iscrizione in ogni momento.